Turdilli calabresi all’Amaro Silano

Ingredienti per 4 persone:

  • Farina 00 500 g
  • Amaro Silano 100 ml
  • Anice bosco 50 ml
  • Zucchero 50 g
  • Olio di semi 100 g
  • Scorza di limone q.b.
  • Lievito in polvere per dolci 1/2 bustina
  • Olio di semi (per friggere) q.b.
  • Glassa di Amaro Silano 300 g

Procedimento:

 

Iniziamo mettendo in un pentolino l’Amaro Silano e l’anice Bosco   a fuoco alto e facciamo dealcolizzare il tutto per bene.
Poi aggiungiamo lo zucchero facendolo sciogliere a fuoco spento e aggiungiamo l’olio.
Mettiamolo in una ciotola di vetro e facciamo raffreddare
Nel frattempo prendiamo una ciotola grande di plastica e mettiamo al suo interno la farina, poco lievito per dolci, in un buco al centro mettiamo il composto che avevamo un pò fatto raffreddare  e la scorza di limone. Lavoriamo con le mani fino ad ottenere un impasto omogeneo, dovrebbe venire già perfetto così, ma se serve se è troppo duro mettiamo un pò di acqua.
Dividiamo l’impasto dei turdilli calabresi all’Amaro Silano in pezzi che tiriamo in un cordoncino spesso quanto un dito. Tagliamo poi a pezzetti di 5/6 cm a seconda di quanto grandi li vogliamo fare. Il taglio dipende anche da come li preferite: io li taglio più piccoli, della grandezza di circa un dito cosi  risulteranno più croccanti,  l’impasto sarà più friabile.
Dopo averli tagliati tutti li righiamo su un tagliere,  o con i rebbi di una forchetta.
Cuociamo i turdilli in olio ben caldo e abbondante, fino a farli dorare, poi li scoliamo bene su carta assorbente.
Prendiamo un piatto e mettiamo sopra a coprire bene tutti i turdilli la glassa di Amaro Silano
Ecco pronti per essere gustati

Glassa all’Amaro

Silano ricetta
Prendiamo 40 cl di Amaro Silano e mettiamoli all’interno di un pentolino , accendiamo la fornello a fiamma vivace e facciamo dealcolizzare per bene.
Aggiungiamo mezzo bicchiere d’acqua e continuiamo per circa 3/4 minuti cosi da far restringere e glassare per bene, passato questo tempo mettiamo il tutto all’interno di una ciotola di vetro, facciamo raffreddare il composto.
Quando sarà freddo giriamo per bene con l’aiuto di una frusta, se lo volessimo più liquido possiamo  regolare la densità con l’acqua fredda , quando abbiamo ottenuto la giusta densità aggiungiamolo sopra i turdilli.  

Lo chef Piero Cantore vive a Camigliatello Silano, tra le splendide montagne della Sila. La sua passione per la cucina ha origini lontane, quando da bambino ammirava la nonna cucinare, “inebriando le mie narici con il profumo delle lunghe cotture di carne e pomodoro”. Specializzato nella cucina vegetale, gestisce rubriche dedicate al mondo vegan su due riviste nazionali: il settimanale “Di Tutto” e il mensile “Così in Cucina”. Scrive inoltre per il settimanale “Cronache Nazionali” e gestisce il Blog di cucina cucinareconlamaro.altervista.org


VAI AL CORSO DI CUCINA “AI FORNELLI CON PIERO”


TORNA ALLE RICETTE CON Amaro Silano

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *